SANTA FAMIGLIA DI NAZARETH

Nelle pagine di questo piccolo blog
troverai le preghiere alla Santa Famiglia
composte dai Santi, dai Beati e dai Sommi Pontefici ...
Cliccando sulle etichette scoprirai invece i loro insegnamenti ...
A nome di Gesù, Maria e Giuseppe: benvenuto/a!

Translate

Il mio ideale è la Santa Famiglia: Gesù, Maria e Giuseppe.
Questi tre santi Personaggi debbo amare e servire...
Oh, venga presto il giorno in cui la nostra Italia, e l'Europa, il mondo
non respiri altro che la Santa Famiglia, non veda altro che la Santa Famiglia,

non ami che la Santa Famiglia;
venga presto il momento in cui con la voce, con lo scritto, con le opere d'un cuore ardente
pubblicheremo per tutto le glorie della Santa Famiglia!
(Beato Pietro Bonilli)

My ideal is the Holy Family: Jesus, Mary, and Joseph.
These three holy Persons I must love and serve ...
Oh, may the day soon come when our Italy, and Europe, and the world
will breathe nothing but the Holy Family, will see nothing but the Holy Family,
will love only the Holy Family;
may the time come soon in which with the voice, with the writing, with the works of a flaming heart
we will publish all over the world the glories of the Holy Family!
(Blessed Peter Bonilli)





Il mondo ridiventa pagano; per
questo Iddio ci addita la Sacra Famiglia,
onde nei suoi esempi trovar le armi contro questo spirito naturalistico,

che non vuol riconoscere più alcuna religione...
La stampa è una delle armi più potenti
in mano ai nemici della Chiesa per diffondere il male;
noi la useremo per difendere i più grandi valori della fede e della morale.
Tutti i Cattolici devono impegnarsi in questa battaglia
per la gloria di Dio ed il bene dell'umanità...
La Sacra Famiglia è di continuo dinanzi a noi,
e non respiriamo, non viviamo che per Essa.
Per questo siamo in continuo moto,
perché il suo Nome sia ovunque conosciuto e glorificato.

(Beato Pietro Bonilli)

The world is becoming pagan again;
for this reason God shows us the Holy Family,
in order to find in Its examples the arms we need against this nautralistic spirit
which does not want to recognize any religion...
The printed word is one ot the most powerful weapons
in the hands of the enemies of the Church used to spread this evil;
we will use it to defend the greatest values of faith and morals.
All Catholics must engage in this battle
for the glory of God and the good of humanity...
The Holy Family is constantly before us
and we do not breathe, do not live except for Them.
For this reason we are in constant motion,
because Their Name be everywhere known and glorified.
(Blessed Peter Bonilli)



Visualizzazioni totali

lunedì 31 ottobre 2011

Dal Magistero di Leone XIII (1810-1903)

"La Santa Famiglia è Modello di ogni virtù e di ogni santità"

Dagli scritti del Servo di Dio don Dolindo Ruotolo (1882-1970)


“O felice Famiglia di Nazareth,
il sole non ha visto sulla terra 
una casa più bella e più santa!
O esempio luminoso,
che può dissipare le tenebre 
che contristano le nostre case!”

Dagli scritti della Serva di Dio Madre Maria Cecilia Baij (1694-1766)

"Tutto ciò che San Giuseppe faceva era nascosto agli occhi degli uomini,
solo manifesto al suo Dio"

venerdì 28 ottobre 2011

Dagli scritti della Serva di Dio Madre Maria Cecilia Baij (1694-1766)

"Avendo Iddio destinato San Giuseppe
per avvocato dei moribondi,
volle che anche in vita si esercitasse
in quest'opera di tanta carità,
e gli diede un grande amore e compassione verso gli agonizzanti,
facendogli intendere i bisogni grandi
che questi hanno in quegli ultimi momenti,
dai quali dipende un'eternità
o di eterna beatitudine,
o di eterna infelicità e miseria.
Sentivano i moribondi gran conforto
per l'assistenza del Santo
e i demoni restavano molto abbattuti
di forze per le orazioni che faceva.
... Si infuriò molto il demonio,
per quest'ufficio di carità grande
che praticava il Santo
e si affaticava molto per distorlo,
ma NON gli riuscì MAI,
essendo il santo giovine animato e fortificato
dalla divina grazia.
E non vi era chi lo potesse distogliere dall'opera intrapresa
per la gloria di Dio e il profitto dei suoi prossimi"

giovedì 27 ottobre 2011

Dagli scritti del Servo di Dio Padre José Maria Vilaseca (1831-1910)

"In San Giuseppe tutto era puro,
tutto era santo
e tutto conforme agli ordini che aveva ricevuto da Dio"

lunedì 24 ottobre 2011

Dagli scritti della Serva di Dio Madre Maria Cecilia Baij (1694-1766)


"Ben si conosceva dal suo aspetto quanto grande fosse
la purezza della sua anima e anche del suo corpo,
mentre pareva un Angelo vestito di carne mortale"

venerdì 21 ottobre 2011

Dagli scritti della Serva di Dio Madre Maria Cecilia Baij (1694-1766)


Giuseppe non fu veduto mai né adirato, né impaziente,
conservando sempre 
una serenità di volto e una somma quiete,
quantunque Iddio permettesse 
che gliene capitasse occasione ...

Il nostro Giuseppe tutto soffriva 
con pazienza e allegrezza ...

Stava tanto immerso col pensiero
nell'amore del suo Dio
e tanto godeva della sua presenza 
nella di lui anima,
che non vi era cosa, 
per grande che fosse,
che gli turbasse la pace del suo Cuore 
e la serenità del suo spirito.

domenica 16 ottobre 2011

Dal Magistero del Beato Papa Giovanni Paolo II (1920-2005)

"La Santa Famiglia di Nazareth
è Modello mirabile di virtù umane e soprannaturali
per tutte le famiglie cristiane"

sabato 15 ottobre 2011

Dagli scritti di Santa Teresa d'Avila (1515-1582)


"Non so come si possa pensare 
alla Regina degli Angeli
e al molto da Lei sofferto col Bambino Gesù,
senza ringraziare san Giuseppe 
che fu loro di tanto aiuto"

giovedì 13 ottobre 2011

Dagli scritti di Suor Lucia di Fatima (1907-2005)

Nel messaggio di Fatima,
Dio ci chiama a rivolgere lo sguardo verso la Santa Famiglia di Nazareth,
dove Egli ha voluto nascere, crescere e santificarsi,
per presentarci UN MODELLO DA IMITARE
lungo il sentiero dei nostri passi di pellegrini
che camminano dalla Terra verso il Cielo.

Nei tempi che stiamo attraversando
non mancano coloro che osano negare l'esistenza del Cielo.

Forse perché non hanno fede
o non vogliono adattarsi a camminare lunga la stretta via che conduce al Cielo.

Ma si ingannano.

L’esistenza del Cielo è una Verità rivelata che NON può essere negata.

Dai testi sacri si vede che l’esistenza del Cielo è una Verità incontestabile.

… Se Dio ci avesse creato solo per vivere sulla Terra
questi pochi giorni o anni, che passiamo qui tra lavoro, dolori e afflizioni,
allora potremmo dire che al nostra vita non ha ragione d’essere,
poiché ben presto finisce nella polvere della terra da dove siamo stati tratti.

Dio, nella sua grandezza, doveva avere fini più elevati,
e il suo amore non poteva accontentarsi di questo.

Noi siamo l’opera prima del suo amore,
dato che ci ha creati per renderci partecipi dell’immensità della sua vita.

… Iniziando al momento del concepimento,
la nostra vita si prolunga nel tempo SULLA STRADA DELL’ETERNITA’, dove rimane.

Mentre viviamo sulla Terra, siamo PELLEGRINI IN CAMMINO VERSO IL CIELO,
se seguiamo la via che Dio ci ha tracciato.

Questa è la cosa più importante della nostra vita:
comportarsi in modo che, quando partiremo da questo mondo e alla fine dei tempi,
possiamo meritare di ascoltare dalle labbra di Gesù Cristo queste parole consolanti:
“Venite, benedetti del Padre mio,
ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo!” (Mt 25,34).


FROM THE WRITINGS OF SISTER LUCIA OF FATIMA (1907-2005)

In the message of Fatima,
God calls us to turn our gaze towards the Holy Family of Nazareth,
where He chose to be born, grow and become holy,
to introduce to us a model to imitate
as we take our steps along the path of pilgrims
walking from Earth to Heaven.
In the times we are experiencing
there are those who dare to deny the existence of Heaven.

Perhaps because they have no faith
or are unwilling to adapt to walk along the narrow road that leads to Heaven.

But they deceive themselves.

The existence of Heaven is a revealed Truth that CANNOT be denied.

From sacred texts can be seen that the existence of Heaven is an undeniable Truth.

... If God had only created us to live on Earth
these few days or years which we spend here in work, pain, and sorrow,
then we could say that our life does not have any meaning,
since too soon it ends up in the dust of the earth from whence we were taken.

God, in His greatness, must have had higher aims
and His Love could not be satisfied with that.

We are the first work of His love,
since we have been created to be partakers of the immensity of His life.

... Starting at conception, our life is prolonged in time
ON THE ROAD OF ETERNITY,
where it remains.

While we live on Earth, we are PILGRIMS ON THE WAY TO HEAVEN,
if we follow the path that God has marked out for us.

This is the most important thing in our lives:
to behave in a way that, when we shall depart this world and at the end of time,
we will deserve to hear from the lips of Jesus Christ these comforting words:
"Come, ye blessed of my Father, inherit the kingdom
prepared for you from the foundation of the world”.
(Mt 25:34).

venerdì 7 ottobre 2011

Dal Magistero di Papa Giovanni Paolo II (1920-2005)

“Il Rosario ci trasporta misticamente accanto a Maria,
impegnata a seguire la crescita umana di Cristo
nella Casa di Nazareth.
Ciò le consente di educarci e di plasmarci
con la medesima sollecitudine,
fino a che Cristo non sia formato in noi pienamente”

lunedì 3 ottobre 2011

Dagli scritti della Serva di Dio Madre Maria Cecilia Baij (1694-1766)


"Avendo Iddio destinato per Sposo della Madre del suo Unigenito
il glorioso San Giuseppe,
volle anche assomigliasse molto alla medesima,
sì nei natali, come nella patria
e molto più nelle di Lei virtù,
impegnandosi l'Altissimo a formarlo tale e quale si conveniva
per renderlo degno Sposo della Divina Madre"