SANTA FAMIGLIA DI NAZARETH

Nelle pagine di questo piccolo blog
troverai le preghiere alla Santa Famiglia
composte dai Santi, dai Beati e dai Sommi Pontefici ...
Cliccando sulle etichette scoprirai invece i loro insegnamenti ...
A nome di Gesù, Maria e Giuseppe: benvenuto/a!

Translate

Il mio ideale è la Santa Famiglia: Gesù, Maria e Giuseppe.
Questi tre santi Personaggi debbo amare e servire...
Oh, venga presto il giorno in cui la nostra Italia, e l'Europa, il mondo
non respiri altro che la Santa Famiglia, non veda altro che la Santa Famiglia,

non ami che la Santa Famiglia;
venga presto il momento in cui con la voce, con lo scritto, con le opere d'un cuore ardente
pubblicheremo per tutto le glorie della Santa Famiglia!
(Beato Pietro Bonilli)

My ideal is the Holy Family: Jesus, Mary, and Joseph.
These three holy Persons I must love and serve ...
Oh, may the day soon come when our Italy, and Europe, and the world
will breathe nothing but the Holy Family, will see nothing but the Holy Family,
will love only the Holy Family;
may the time come soon in which with the voice, with the writing, with the works of a flaming heart
we will publish all over the world the glories of the Holy Family!
(Blessed Peter Bonilli)





Il mondo ridiventa pagano; per
questo Iddio ci addita la Sacra Famiglia,
onde nei suoi esempi trovar le armi contro questo spirito naturalistico,

che non vuol riconoscere più alcuna religione...
La stampa è una delle armi più potenti
in mano ai nemici della Chiesa per diffondere il male;
noi la useremo per difendere i più grandi valori della fede e della morale.
Tutti i Cattolici devono impegnarsi in questa battaglia
per la gloria di Dio ed il bene dell'umanità...
La Sacra Famiglia è di continuo dinanzi a noi,
e non respiriamo, non viviamo che per Essa.
Per questo siamo in continuo moto,
perché il suo Nome sia ovunque conosciuto e glorificato.

(Beato Pietro Bonilli)

The world is becoming pagan again;
for this reason God shows us the Holy Family,
in order to find in Its examples the arms we need against this nautralistic spirit
which does not want to recognize any religion...
The printed word is one ot the most powerful weapons
in the hands of the enemies of the Church used to spread this evil;
we will use it to defend the greatest values of faith and morals.
All Catholics must engage in this battle
for the glory of God and the good of humanity...
The Holy Family is constantly before us
and we do not breathe, do not live except for Them.
For this reason we are in constant motion,
because Their Name be everywhere known and glorified.
(Blessed Peter Bonilli)



Visualizzazioni totali

domenica 29 gennaio 2012

Dagli scritti di San José Manyanet (1833-1901)

"L'augusta Trinità della Terra,
donata dal Padre celeste agli uomini come Modello perfettissimo"

venerdì 27 gennaio 2012

L'IMMACOLATA

Meditazioni tratte dagli scritti di San Massimiliano M. Kolbe (1894-1941)

1. L’annuncio dell’Angelo a Maria Vergine
e il “Sì” dei due santi Sposi.
“Ti adoro, o Padre nostro celeste,
poiché hai deposto nel grembo purissimo di Maria
il tuo Figlio unigenito.
Ti adoro, o Figlio di Dio,
poiché ti sei degnato di entrare nel grembo di Lei
e sei diventato Figlio suo.
Ti adoro, o Spirito Santo,
poiché ti sei degnato di formare
nel grembo immacolato di Lei
il corpo del Figlio di Dio.
Ti adoro, o Trinità Santissima, o
 Dio uno nella Santa Trinità,
per aver elevato l’Immacolata in un modo così divino”. 
 

 2. La visita di Maria Santissima a Santa Elisabetta.
“Rivolgiti spesso all’Immacolata nelle difficoltà e in qualsiasi necessità.
Intrattieniti spesso con l’Immacolata,
conversa spesso con Lei,
soffermati spesso a tu per tu con Lei,
e diverrai sempre più simile a Lei”.

 3. La nascita di Gesù nella grotta di Betlemme
e la vita povera della S. Famiglia.
“In eterno, o Immacolata, Dio ti chiamerà: Madre mia”.

 4. La presentazione di Gesù Bambino al Tempio
e l’offerta della Santa Famiglia per la salvezza del genere umano.
“Non sfuggiamo troppo la croce
ma, se è necessario prenderla sulle spalle,
portiamola di buon grado per amore verso l’Immacolata...
Ella ci infonderà la luce e la forza necessarie,
ci stringerà al cuore e addolcirà le più grandi amarezze”.

 5. Il ritrovamento di Gesù al Tempio
e la vita nascosta della Santa Famiglia nella Casa di Nazareth.
“Rivolgiamo lo sguardo verso Gesù, il nostro Modello più perfetto.
Egli, Dio, la santità stessa,
si dona all’Immacolata senza alcuna riserva,
diviene suo Figlio,
vuole che Ella lo guidi a proprio piacere per ben trent’anni della sua vita terrena...
Non abbiate affatto paura di amare troppo l’Immacolata,
perché non l’ameremo mai nel modo come l’ha amata Gesù”.

giovedì 19 gennaio 2012

SAN GIUSEPPE


1. L’annuncio dell’Angelo a Maria Vergine
e il “Sì” dei due santi Sposi.
Dal Magistero di San Gregorio Magno
e dagli scritti di San Giovanni Damasceno:
“San Giuseppe fu l’unico tra gli uomini trovato degno
di essere Sposo di Maria”.
“A Lui, solo tra tutti gli uomini,
fu dato il nome di Padre del Figlio di Dio”.

 2. La visita di Maria Santissima a Santa Elisabetta.
Dagli scritti di San Bernardino da Siena:
“Ama molto San Giuseppe, amalo con tutta l’anima,
perché è la persona che assieme a Gesù, più ha amato la Madonna!
Egli merita il tuo affetto e ti conviene frequentarlo
perché è maestro di vita interiore,
ed è molto potente presso il Signore
e presso la Madre di Dio”.


3. La nascita di Gesù nella grotta di Betlemme
e la vita povera della S. Famiglia.
Dagli scritti di Sant’Alfonso M. de’ Liguori:
“Da Giuseppe ottiene più grazie chi più lo prega:
la più grande grazia, che fa ai suoi devoti,
è un tenero e ardentissimo amore a Gesù”.

 4. La presentazione di Gesù Bambino al Tempio
e l’offerta della Santa Famiglia per la salvezza del genere umano.
Dagli scritti di San Bernardino da Siena:
“A San Giuseppe è debitrice la Chiesa
per avere Egli introdotto nel mondo il Divin Redentore;
onde, se la Chiesa onora Maria per averci dato il Cristo,
dopo che a Maria, tanto devesi a Giuseppe”.

 5. Il ritrovamento di Gesù al Tempio
e la vita nascosta della Santa Famiglia nella Casa di Nazareth.
Dal Magistero del Beato Giovanni XXIII:
“Con l’aiuto di San Giuseppe,
tutte le famiglie possono riprodurre l’immagine di quella di Nazareth”.

lunedì 9 gennaio 2012

I TRE SACRI CUORI DI GESU', MARIA E GIUSEPPE

Nel primo mistero della gioia contempliamo
l’annuncio dell’Angelo a Maria Vergine  e il “Sì” dei due santi Sposi.

Meditiamo il Mistero dolcissimo dei tre Sacri Cuori,
con pensieri tratti dagli scritti di Suor Lucia di Fatima
e di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori:

"Nel Cuore di Maria, Dio ha iniziato l’opera della nostra Redenzione.
Fu in questo Cuore che il Padre chiuse suo Figlio,
come se fosse il primo tabernacolo.
Per nove mesi il sangue di Cristo era il sangue di Maria
colto alla fonte del suo Cuore Immacolato,
i palpiti del Cuore di Cristo battevano all’unisono
con i palpiti del Cuore di Maria".

"Dio, avendo assegnato il nostro Santo in qualità di padre a Gesù,
certamente gli dovette infondere nel Cuore un amore di padre,
e padre di un tale Figlio così amabile, che era insieme Dio;
per cui l’amore di Giuseppe non fu puramente umano,
come l’amore degli altri padri,
ma un amore soprannaturale,
ritrovando nella stessa persona il suo figliolo e il suo Dio".

Sacratissimi Cuori di Gesù, Maria e Giuseppe,
indissolubilmente uniti nell’amore, ci consacriamo a Voi!



Nel secondo mistero della gioia contempliamo
la visita di Maria Santissima a Santa Elisabetta.

Meditiamo la sublime carità del Cuore Immacolato di Maria
con due pensieri tratti dagli scritti
del Santo Curato d’Ars e di Suor Lucia di Fatima:

"Il Cuore di questa Madre è soltanto amore e misericordia".

"La devozione al Cuore Immacolato di Maria
consiste nel considerarla come sicura porta
attraverso cui entreremo in Paradiso.
Il Cuore di Maria è, infatti, per tutti i suoi figli
il rifugio e la via verso Dio".

Sacratissimi Cuori di Gesù, Maria e Giuseppe,
delizie del Paradiso, ci consacriamo a Voi!

 

Nel terzo mistero della gioia contempliamo
la nascita di Gesù nella grotta di Betlemme.

Dio diviene - per noi, per la nostra salvezza - piccolo Bimbo.
Ascoltiamo come san Pio da Pietrelcina e Sant’Alfonso M. de’ Liguori
descrissero l’amore per Gesù Bambino
celato nel Cuore Immacolato di Maria
e nel Cuore Castissimo di San Giuseppe:

"Egli nasce come raggio di sole
che attraversa il cristallo senza appannarlo,
e gli angeli sono lì a porlo fra le braccia di sua Madre.
O Maria, diteci quali furono le effusioni del Vostro Cuore!
Chi potrebbe penetrare in quella fornace di fuoco?".

"Allora Giuseppe, inginocchiato e piangendo di tenerezza, disse:
Dio mio e Figlio mio, a Te tutto mi consacro...
… Considerate che incendio di santo amore
si doveva accendere nel Cuore di Giuseppe!
Quali affetti dovevano destarsi nel suo Cuore
nel portarlo in braccio, nell’accudirlo!".

Sacratissimi Cuori di Gesù, Maria e Giuseppe,
indissolubilmente uniti nell’amore, ci consacriamo a Voi!



Nel quarto mistero della gioia contempliamo
la presentazione di Gesù Bambino al Tempio
e l’offerta della Santa Famiglia
per la salvezza del genere umano.

La sofferenza è la via stretta che porta al Cielo
e Gesù, Maria e Giuseppe la percorsero insieme
per aprirci le porte del Paradiso.
Scrisse a tale proposito il Canonico don Paolo Bonaccia:
 
"Gesù, poiché più d’ogni altro amava i suoi genitori Maria e Giuseppe,
così più da vicino li fece partecipi della sua sofferenza e,
quali due primi e principali rami,
li innestò al tronco della sua Croce...
… In questa terra d’esilio,
la Trinità divina non vide mai unione più bella
di quella che regnava tra loro:
tre Cuori in un sol Cuore,
tre volontà in un’unica volontà".

Sacratissimi Cuori di Gesù, Maria e Giuseppe,
generosi nell’offerta, ci consacriamo a Voi!



Nel quinto mistero della gioia contempliamo
il ritrovamento di Gesù al Tempio
e la vita nascosta della Santa Famiglia nella Casa di Nazareth.

Dagli scritti del Canonico don Paolo Bonaccia:

"Gesù era il centro di quella Casa.
Il suo Cuore divino traeva a sé i Cuori di Maria e di Giuseppe
ed essi riposavano nel Cuore di Cristo.
… O santa Casa di Nazareth,
gli Angeli contemplano estatici
l’unione dei pensieri, delle volontà e degli affetti
che regna in Gesù, Maria e Giuseppe, che dimorano in te!
Quale ricchezza per le case
se esse giungeranno ad imitare l’unione
di Gesù, Maria e Giuseppe nella Casa Nazarena!
Sembra che non si possa desiderare altro,
affinché il Cielo discenda in terra, o la terra si converta in Cielo...".

Sacratissimi Cuori di Gesù, Maria e Giuseppe,
Modello sublime di ogni virtù, ci consacriamo a Voi!