SANTA FAMIGLIA DI NAZARETH

Nelle pagine di questo piccolo blog
troverai le preghiere alla Santa Famiglia
composte dai Santi, dai Beati e dai Sommi Pontefici ...
Cliccando sulle etichette scoprirai invece i loro insegnamenti ...
A nome di Gesù, Maria e Giuseppe: benvenuto/a!

Translate

Il mio ideale è la Santa Famiglia: Gesù, Maria e Giuseppe.
Questi tre santi Personaggi debbo amare e servire...
Oh, venga presto il giorno in cui la nostra Italia, e l'Europa, il mondo
non respiri altro che la Santa Famiglia, non veda altro che la Santa Famiglia,

non ami che la Santa Famiglia;
venga presto il momento in cui con la voce, con lo scritto, con le opere d'un cuore ardente
pubblicheremo per tutto le glorie della Santa Famiglia!
(Beato Pietro Bonilli)

My ideal is the Holy Family: Jesus, Mary, and Joseph.
These three holy Persons I must love and serve ...
Oh, may the day soon come when our Italy, and Europe, and the world
will breathe nothing but the Holy Family, will see nothing but the Holy Family,
will love only the Holy Family;
may the time come soon in which with the voice, with the writing, with the works of a flaming heart
we will publish all over the world the glories of the Holy Family!
(Blessed Peter Bonilli)





Il mondo ridiventa pagano; per
questo Iddio ci addita la Sacra Famiglia,
onde nei suoi esempi trovar le armi contro questo spirito naturalistico,

che non vuol riconoscere più alcuna religione...
La stampa è una delle armi più potenti
in mano ai nemici della Chiesa per diffondere il male;
noi la useremo per difendere i più grandi valori della fede e della morale.
Tutti i Cattolici devono impegnarsi in questa battaglia
per la gloria di Dio ed il bene dell'umanità...
La Sacra Famiglia è di continuo dinanzi a noi,
e non respiriamo, non viviamo che per Essa.
Per questo siamo in continuo moto,
perché il suo Nome sia ovunque conosciuto e glorificato.

(Beato Pietro Bonilli)

The world is becoming pagan again;
for this reason God shows us the Holy Family,
in order to find in Its examples the arms we need against this nautralistic spirit
which does not want to recognize any religion...
The printed word is one ot the most powerful weapons
in the hands of the enemies of the Church used to spread this evil;
we will use it to defend the greatest values of faith and morals.
All Catholics must engage in this battle
for the glory of God and the good of humanity...
The Holy Family is constantly before us
and we do not breathe, do not live except for Them.
For this reason we are in constant motion,
because Their Name be everywhere known and glorified.
(Blessed Peter Bonilli)



Visualizzazioni totali

giovedì 13 marzo 2014

MESE DI MARZO IN ONORE DI SAN GIUSEPPE


(Riflessioni del beato Bartolo Longo)

 QUATTORDICESIMO GIORNO: GESU’ SMARRITO. DOLORE DI SAN GIUSEPPE.

Quando Gesù ebbe raggiunto d’età di dodici anni,

i due santi Sposi andarono di nuovo per le feste di Pasqua a Gerusalemme.

Immagina, anima mia, con quale raccoglimento

le tre sante Persone avranno fatto questo viaggio;
impara con quale portamento modesto devi recarti anche tu alla chiesa.
Se si va sino alla porta parlando di cose di mondo,
spesso ridendo e guardando attorno,
specialmente quando nelle grandi solennità v’è molto sfarzo di acconciature e di abiti,
certo la fantasia si riempie di frivolezze.
Per queste e per le molte distrazioni che sopravvengono,
si perde una buona parte della Santa Messa,
e insieme si perdono immense grazie, che Gesù verserebbe nell’anima nostra,
se ci fossimo avvicinati alla sua Casa in silenzio e raccoglimento.

... Terminate le funzioni, quell’immensa turba di gente uscì dal Tempio,

e la carovana, con la quale la Santa Famiglia era venuta a Gerusalemme
 si era di nuovo messa in processione, dirigendosi verso Nazaret.
Maria e Giuseppe non si accorsero, dice san Luca, che il Bambino era rimasto indietro,
ma credettero fosse in compagnia di viaggio con altri fanciulli.

Per lo più i pellegrini si dividevano in due carovane:

 l’una era di uomini, e l’altra di donne, al fine di pregare con più devozione.
I fanciulli seguivano o l’una o l’altra a piacere.
La sera d’ogni giorno, facevano sosta nei paesi
e si riunivano nuovamente la diverse famiglie.

Ma quale non fu lo stupore del santo Patriarca

quando la sera s’avvide che il divino Infante non era con Maria!
Si trovarono improvvisamente soli, soli in mezzo alla moltitudine.
Giuseppe fu colpito da dolore indicibile,
né mai alcun santo provò più terribile desolazione.

Cercò fra parenti e conoscenti se Gesù fosse in loro compagnia.

Maria e Giuseppe continuarono le loro ricerche senza trovarlo.

Intanto si era fatta notte. Certamente non pochi erano i dolori
che si soffrivano nel mondo quella notte,
ma nessuno era paragonabile a quello di Maria e di Giuseppe.
Desolazione simile a quella di Giuseppe non vi fu mai!

Maria e Giuseppe ritornarono a Gerusalemme soli e desolati,
camminando nelle tenebre;
i loro piedi erano stanchi e feriti,
ma i loro cuori erano assai più lacerati.

… Se abbiamo avuto la disgrazia di perdere Gesù col peccato, con l’amore del mondo,
 
ed abbiamo la grazia che Gesù ci chiama, che dobbiamo fare?
Il dolore di Giuseppe ce lo dice:
la perdita deve essere per noi soggetto di grande afflizione
e, come Giuseppe, dobbiamo cercare con sollecitudine e con lacrime
Colui che abbiamo smarrito.

Il santo Patriarca avrebbe potuto pensare con ragione che la perdita di Gesù

fosse per lui una prova soprannaturale,
ma la sua umiltà gli fece credere che fosse avvenuta per sua colpa,
e con ciò raggiunse una virtù molto elevata.

… Gesù non tarda a farsi trovare da quelli che lo cercano con fervore e con umiltà;

e Giuseppe e Maria ritrovarono Gesù e stettero insieme a Nazaret senza mai dividersi. O felicità di chi ritrova Gesù dopo averlo smarrito,
e lo sa custodire nel suo cuore!

San Giuseppe ammirò la sapienza divina di Gesù nel Tempio;

ma non meno ammirò l’infinita umiltà di Lui, quando, tornato a Nazaret,
lo vide così sottomesso e laborioso,
quasi fosse l’ultimo garzoncello di un artigiano ...

FIORETTO
Procurate di fare una confessione sincera delle vostre colpe,

inducendovi al pentimento,
con la considerazione dei dolori che provarono Giuseppe e Maria in questo mistero;
chiedendo loro perdono del dolore ad Essi cagionato per i vostri peccati.

INVOCAZIONE
“San Giuseppe, ottienimi da Maria l’ardore di cercare sempre e in tutte le cose Gesù!”.

Nessun commento:

Posta un commento