SANTA FAMIGLIA DI NAZARETH

Nelle pagine di questo piccolo blog
troverai le preghiere alla Santa Famiglia
composte dai Santi, dai Beati e dai Sommi Pontefici ...
Cliccando sulle etichette scoprirai invece i loro insegnamenti ...
A nome di Gesù, Maria e Giuseppe: benvenuto/a!

Translate

Il mio ideale è la Santa Famiglia: Gesù, Maria e Giuseppe.
Questi tre santi Personaggi debbo amare e servire...
Oh, venga presto il giorno in cui la nostra Italia, e l'Europa, il mondo
non respiri altro che la Santa Famiglia, non veda altro che la Santa Famiglia,

non ami che la Santa Famiglia;
venga presto il momento in cui con la voce, con lo scritto, con le opere d'un cuore ardente
pubblicheremo per tutto le glorie della Santa Famiglia!
(Beato Pietro Bonilli)

My ideal is the Holy Family: Jesus, Mary, and Joseph.
These three holy Persons I must love and serve ...
Oh, may the day soon come when our Italy, and Europe, and the world
will breathe nothing but the Holy Family, will see nothing but the Holy Family,
will love only the Holy Family;
may the time come soon in which with the voice, with the writing, with the works of a flaming heart
we will publish all over the world the glories of the Holy Family!
(Blessed Peter Bonilli)





Il mondo ridiventa pagano; per
questo Iddio ci addita la Sacra Famiglia,
onde nei suoi esempi trovar le armi contro questo spirito naturalistico,

che non vuol riconoscere più alcuna religione...
La stampa è una delle armi più potenti
in mano ai nemici della Chiesa per diffondere il male;
noi la useremo per difendere i più grandi valori della fede e della morale.
Tutti i Cattolici devono impegnarsi in questa battaglia
per la gloria di Dio ed il bene dell'umanità...
La Sacra Famiglia è di continuo dinanzi a noi,
e non respiriamo, non viviamo che per Essa.
Per questo siamo in continuo moto,
perché il suo Nome sia ovunque conosciuto e glorificato.

(Beato Pietro Bonilli)

The world is becoming pagan again;
for this reason God shows us the Holy Family,
in order to find in Its examples the arms we need against this nautralistic spirit
which does not want to recognize any religion...
The printed word is one ot the most powerful weapons
in the hands of the enemies of the Church used to spread this evil;
we will use it to defend the greatest values of faith and morals.
All Catholics must engage in this battle
for the glory of God and the good of humanity...
The Holy Family is constantly before us
and we do not breathe, do not live except for Them.
For this reason we are in constant motion,
because Their Name be everywhere known and glorified.
(Blessed Peter Bonilli)



Visualizzazioni totali

martedì 11 marzo 2014

IL MESE DI MARZO IN ONORE DI SAN GIUSEPPE


(Riflessioni del beato Bartolo Longo)

 DODICESIMO GIORNO: SAN GIUSEPPE, PROVVIDO PADRE DI GESU’.

San Giuseppe in Egitto lavorava per vivere,

ma il fine di ogni sua fatica era di piacere a Dio, che ciò voleva da Lui.

Se noi ci proponessimo in ogni nostra opera di piacere a Dio,

come tutto in noi verrebbe santificato!

Egli sapeva che il suo lavoro era necessario a Gesù;

perciò pensate voi che felicità provava nel dire ad ogni istante:
“Questo serve per Gesù! Questo serve per Maria!”.

Chi saprebbe dirci, o beatissimo Giuseppe,

quale era la dolcezza dei tuoi pensieri, l’umiltà del tuo spirito,
quando Gesù ti chiamava suo padre e Tu lo chiamavi mio caro Figlio?

Da quali celesti ardori non doveva esser presa la tua anima,

quando ti toccava servire o portare tra le tue braccia Gesù, il tuo tutto?

E quel divino Fanciullo ti restituiva mille baci,

ti carezzava con le sue manine,
ti sorrideva amorosamente.

Quale non era la tua modestia quando porgevi il cibo a Colui

cui basta aprir la mano per ricolmare tutti gli esseri
delle benedizioni necessarie alla vita?

Oppure, allorché per ristorare le tue forze,

prendevi il cibo che Maria, la Regina degli Angeli, ti aveva preparato,
e che Gesù benediceva con la sua mano divina?

Quali erano i tuoi pensieri quando insegnavi a camminare

a Colui che era disceso dal Cielo sulla Terra per visitare gli uomini?

Quale fu la prima parola che insegnasti

a pronunziare alla Parola sostanziale ed eterna,
rivestita nel tempo di un corpo formato del sangue di Maria, tua casta Sposa?

Quale non era la tua attenzione allorché Gesù parlava con Te del Regno del suo Cuore,

del fine della sua venuta in questo mondo,
e della Chiesa ch’Egli doveva stabilire?

Noi possiamo imitare queste così sante disposizioni del Cuore di san Giuseppe,

lavorando come Lui per sollevare ed alimentare Gesù Cristo
nella persona dei poveri.
Il divin Salvatore ci dichiara nel Vangelo che tutto ciò che faremo per essi

lo considera e ricompensa come fatto a Lui stesso.
Questo è il gran mistero della carità cristiana,

in cui possiamo nutrire Dio nei poveri,
assistere Dio negli infermi, visitare Dio nei carcerati,
alimentare Dio nei piccoli figli abbandonati,
come Egli di se medesimo nutre noi, assiste noi, visita noi, s
i fa tutto uno con noi sotto le specie sacramentali.

FIORETTO
Chi non può dar da mangiare ai poveri,

visiti un infermo o un carcerato per amore di san Giuseppe,
riconoscendo in quell’afflitto o tribolato la persona di Gesù.

INVOCAZIONE
“San Giuseppe, provvido Padre di Gesù, offri a Gesù il mio cuore e la mia vita!”.

Nessun commento:

Posta un commento