SANTA FAMIGLIA DI NAZARETH

Nelle pagine di questo piccolo blog
troverai le preghiere alla Santa Famiglia
composte dai Santi, dai Beati e dai Sommi Pontefici ...
Cliccando sulle etichette scoprirai invece i loro insegnamenti ...
A nome di Gesù, Maria e Giuseppe: benvenuto/a!

Translate

Il mio ideale è la Santa Famiglia: Gesù, Maria e Giuseppe.
Questi tre santi Personaggi debbo amare e servire...
Oh, venga presto il giorno in cui la nostra Italia, e l'Europa, il mondo
non respiri altro che la Santa Famiglia, non veda altro che la Santa Famiglia,

non ami che la Santa Famiglia;
venga presto il momento in cui con la voce, con lo scritto, con le opere d'un cuore ardente
pubblicheremo per tutto le glorie della Santa Famiglia!
(Beato Pietro Bonilli)

My ideal is the Holy Family: Jesus, Mary, and Joseph.
These three holy Persons I must love and serve ...
Oh, may the day soon come when our Italy, and Europe, and the world
will breathe nothing but the Holy Family, will see nothing but the Holy Family,
will love only the Holy Family;
may the time come soon in which with the voice, with the writing, with the works of a flaming heart
we will publish all over the world the glories of the Holy Family!
(Blessed Peter Bonilli)





Il mondo ridiventa pagano; per
questo Iddio ci addita la Sacra Famiglia,
onde nei suoi esempi trovar le armi contro questo spirito naturalistico,

che non vuol riconoscere più alcuna religione...
La stampa è una delle armi più potenti
in mano ai nemici della Chiesa per diffondere il male;
noi la useremo per difendere i più grandi valori della fede e della morale.
Tutti i Cattolici devono impegnarsi in questa battaglia
per la gloria di Dio ed il bene dell'umanità...
La Sacra Famiglia è di continuo dinanzi a noi,
e non respiriamo, non viviamo che per Essa.
Per questo siamo in continuo moto,
perché il suo Nome sia ovunque conosciuto e glorificato.

(Beato Pietro Bonilli)

The world is becoming pagan again;
for this reason God shows us the Holy Family,
in order to find in Its examples the arms we need against this nautralistic spirit
which does not want to recognize any religion...
The printed word is one ot the most powerful weapons
in the hands of the enemies of the Church used to spread this evil;
we will use it to defend the greatest values of faith and morals.
All Catholics must engage in this battle
for the glory of God and the good of humanity...
The Holy Family is constantly before us
and we do not breathe, do not live except for Them.
For this reason we are in constant motion,
because Their Name be everywhere known and glorified.
(Blessed Peter Bonilli)



Visualizzazioni totali

venerdì 17 febbraio 2012

Dagli scritti di Sant'Alfonso M. de' Liguori (1696-1787)


LA FUGA IN EGITTO

 Viene dal Cielo il Figlio di Dio per salvare gli uomini,
ma appena nato questi uomini lo perseguitano a morte.
... Erode, temendo che questo bambino gli tolga il regno, cerca di farlo morire;
per cui San Giuseppe è avvisato dall'Angelo in sogno
che prenda Gesù con la sua Madre e fugga in Egitto.
Giuseppe subito ubbidisce e ne avvisa Maria;
egli prende quei pochi ferri del suo mestiere,
che servivano per aver modo di vivere in Egitto insieme colla sua povera famiglia.
Maria da un'altra parte unisce un fardelletto di panni
che doveano poi servire per il santo Bambino;
e poi si accosta alla culla e piangendo dice al Figlio che dorme:
"O mio Figlio e Dio, Tu sei venuto dal Cielo per salvare gli uomini,
e questi appena nato ti cercano per toglierti la vita? ".
Lo prende intanto e, seguitando a piangere,
nella stessa notte insieme con Giuseppe si mette in viaggio.

Consideriamo quanto dovettero patir questi santi pellegrini
facendo un viaggio così lungo e senza alcuna comodità.
Il Bambino non era ancor atto a camminare,
onde a vicenda dovettero portarlo in braccio, ora Maria ed ora Giuseppe.
In passare per il deserto di Egitto in quelle notti,
la nuda terra serve loro di letto, in campagna all'aria aperta.
Piange il Bambino per il freddo,
e piangono insieme Giuseppe e Maria per compassione.
E chi non piangerebbe in vedere il Figlio di Dio,
che povero e perseguitato va fuggendo ramingo per la terra,
per non esser ucciso dai suoi nemici?

O caro mio Bambino,
tu piangi e ben hai ragione di piangere
in vederti così perseguitato dagli uomini che tu tanto ami!
O Dio, che anche io un tempo ti ho perseguitato con i miei peccati;
ma sappi che ora ti amo più di me stesso
e non ho pena che più m'affligga quanto il ricordarmi
di aver così disprezzato Te, mio sommo bene.
Deh perdonami, Gesù mio,
e permettimi che io ti porti con me, nel mio cuore,
in tutto il viaggio della vita che mi resta da fare, per entrare insieme con Te all'eternità!
Io tante volte ti ho discacciato dall'anima mia con offenderti,
ma ora ti amo sopra ogni cosa e mi pento sopra ogni male d'averti offeso.
Amato mio Signore, io non voglio lasciarti più,
ma Tu dammi forza di resistere alle tentazioni;
non permettere che io mi separi più da Te!
O Maria speranza mia, fammi viver sempre e morire amando Dio!

2 commenti:

  1. Una meditazione di Sant'Alfonso,
    che ci ricorda le grandi sofferenze patite dalla Sacra Famiglia
    durante la fuga in Egitto...
    Centinaia di Km a piedi o a dorso d'asino, sotto il sole cocente del giorno ed il freddo notturno...

    RispondiElimina
  2. Secondo l'antico Messale Romano,
    in alcuni luoghi del mondo
    il 17 febbraio veniva commemorata
    la fuga in Egitto della Santa Famiglia.
    Questa data e' conservata anche
    dal calendario dei Figli della Sacra Famiglia,
    approvato nel 1982.

    RispondiElimina